Sentirsi a casa...

Ovunque io mi trovi io mi sento a casa
Il corpo che abito è la mia casa
Il mio corpo è centro della mia esperienza
Io sono il Centro della mia esistenza
Ovunque io Sia
Questo è il messaggio che emano espando

Nel divenire,

le esperienze mi offrono occasioni
per imparare
a non avere fretta
ad accettare ciò che la vita E'
ad Amare il Prossimo Mio come Me Stesso
a Lasciar Brillare la Luce nella mia Casa
Ovunque io Sia

Qual è il significato della Parola Ayurveda?

Da Ayus Vita e Veda Scienza, traduce la parola sanscrita Scienza della vita: "...

"Si definisce Ayurveda la scienza che descrive gli stati della vita vantaggiosi e quelli sfavorevoli, insieme a ciò che è buono e ciò che è nocivo per la vita, che tratta della lunghezza della vita e della vita stessa. " (Charaka Samhita I, 41)

Qual è il fine della Scienza della Vita?:

"Fine dell’ayurveda è quello di preservare la salute di chi sta bene e di alleviare le sofferenze in chi sta male".Ca. Su. XXX, 26

Cosa si intende per Vita? Qual è il messaggio dell'Ayurveda?

Ayus, ovvero  vita, è  l’unione di quattro aspetti fondamentali: corpo, organi dei sensi, mente e anima

"L'Ayurveda si occupa di tutti gli aspetti del benessere, quello fisico, quello psichico e quello spirituale e si interessa di ciò che è normale tanto quanto di ciò che è anormale o patologico. Secondo l'Ayurveda la salute non è solo assenza di malattia ma è uno stato di continuo appagamento e di benessere, uno stato di felicità fisica, mentale e spirituale. Il concetto di equilibrio espresso dall'Ayurveda comporta non solo il perfetto funzionamento dei vari sistemi ed organi, della psiche e dello spirito, ma anche un rapporto di felice convivenza con tutte le creature, con i familiari, con gli amici, con il lavoro, con il clima e la cultura in cui viviamo, con i propri ideali, con le abitudini, con la verità, con il concetto che si ha della fede ecc..."

 

Approfondimento  di Antonella Comba

"Nella Carakasaṃhitā questa definizione corrente di āyus è data per assodata e si preferisce enunciarne di meno scontate e più tecniche, come la seguente: l'āyus è "l'unione di corpo, organi, mente (sattva) e sé (ātman)" (Carakasaṃhitā, Sūtrasthāna, I, 42a). Questa definizione, ripresa e illustrata in un passo successivo, ha tra le sue funzioni quella di sottolineare l'impostazione psicosomatica della medicina indiana; suo oggetto e campo di indagine non è soltanto il corpo, ma l'intero essere vivente, e quindi anche le funzioni dei sensi (vista, udito, odorato, gusto e tatto), la mente e il sé; inoltre essa rimanda, per esempio, ai passi dove si spiega come l'uso non corretto delle facoltà sensoriali e psicologiche sia un fattore scatenante di varie patologie. Ovviamente, l'āyurveda non contiene una psicologia in senso moderno, tuttavia si occupa anche delle origini organiche delle malattie mentali. L'āyurveda è anche definito come ciò che parla dell'"āyus giovevole e nocivo, felice e infelice, di ciò che giova o nuoce all'āyus, della durata dell'āyus e dell'āyus stesso" (ibidem, I, 41). Tale definizione è degna di nota perché molto più ampia di quella che generalmente si applica alla medicina in un contesto moderno e occidentale; infatti è innanzi tutto evidente la volontà di includere nell'āyurveda, almeno idealmente, tutti i comportamenti salutari e non salutari che si possono adottare durante la vita, ossia non soltanto un regime moderato, ma anche una serie di azioni etiche che si ripercuotono positivamente sull'āyus di chi le compie. Per esempio, è 'giovevole' desiderare il bene degli esseri viventi, non provare alcuna cupidigia per le ricchezze degli altri, dire la verità, amare la pace (ibidem, XXX, 24). D'altra parte, la vita 'felice' non è soltanto quella vissuta da chi realizza gli obiettivi che si propone, ma anche quella in cui regna uno stato di buona salute, perché, come dice un verso molto citato della Carakasaṃhitā, l'assenza di malattie è la 'radice', la causa principale, degli obiettivi primari che si possono perseguire nella vita umana, cioè l'osservanza delle leggi (dharma), il profitto e la carriera (artha), il piacere (kāma) e la liberazione (mokṣa) (ibidem, I,). L'āyurveda, quindi, determina ciò che giova o nuoce alla vita, pertanto non è solamente cura, ma anche azione preventiva che consiste nell'evitare i cibi e i comportamenti nocivi alla propria costituzione psicofisica; (...) "Antonella Comba

Cosa significa praiticare la Conoscenza?

Conoscere se stessi attraverso Se stessi:, Coltivare con amore l'unione armoniosa corpo mente e spirito, attraverso un cammino di autoconoscenza, che ha il sapore di un  viaggio senza tempo

“Il corpo materiale è come un carro: l’anima è il passeggero, l’intelligenza è il cocchiere, la mente le redini e i sensi i cavalli. L’anima gode o soffre attraverso la mente e i sensi. Questa è la visione dei grandi pensatori.”Katha Upanisad 1.3.3-4)

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • ayurveda filosofia e pratica
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now